Giorno 2. Korcula, luogo di nascita di Marco Polo

La nave ha lasciato Makarska prime ore del mattino, intorno alle cinque, ma non siamo stati consapevoli di questo perché’ abbiamo dormito tutto il tempo. Le nostre cabine erano situate sotto il ponte, e indipendentemente da questo fatto, non abbiamo sentito il motore e abbiamo dormito tranquillamente. Siamo stati svegliati da allarme per la colazione, servita fino alle 9.

La colazione era la stessa durante l’intero sette giorni: salumi, formaggi, cereali, yogurt, succhi di frutta, caffè, tè, salsicce, uova, uova strapazzate, frutta…

Intorno alle undici ci siamo ancorati nella baia del bellissimo mare blu e siamo stati in grado di vedere la profondità del mare da diversi metri di altezza della piattaforma. Eravamo tutti ansiosi di tuffarsi in mare.

Abbiamo avuto il pranzo dopo la nuotata e poi ci siamo diretti verso Korcula. Siamo arrivati a Korcula circa le 17:00, dove abbiamo avuto un tour con la guida professionale già predisposta alle 17:15.

Abbiamo avuto un paio di minuti fino all’arrivo del guidatore, così abbiamo preso i bambini fuori per un gelato e il tempo è passato molto velocemente.

Il guidatore è finalmente arrivato il giro di Korcula è iniziato. E’ stato interessante ascoltare il guidatore, in realtà tutti i quattro guidatori, durante tutto il nostro viaggio. Erano totalmente diversi, ed è stato interessante sentire la loro interpretazione della storia, le avventure divertenti, e quelli meno divertente e triste. Ognuno dei guidatori era in realtà un interprete di racconti storici, alcuni dei quali erano veramente interessanti. Vorremmo in particolare elogiare il guidatore di Dubrovnik e Trogir.

Non devo dimenticare a menzionare che i guidatori parlavano inglese, perché era un gruppo misto di ospiti e adeguamenti dovevano essere fatti. Tuttavia, questo non era un problema perché la maggior parte di noi parlava l’inglese molto bene.

Dopo il tour finito, ci siamo seduti al ristorante per la cena e poi abbiamo fatto una passeggiata attraverso Korcula. Mentre eravamo a piedi, abbiamo sentito la musica da uno dei bar. Una ragazza e due uomini stavano suonando i evergreen. Abbiamo aderito loro e abbiamo apprezzato la musica fino a tarda notte, mentre i bambini stavano giocando, non lontano da noi.

Giorno 3. Elafiti isole,  pappagalli a Dubrovnik e il bagno in spiaggia Banj

La mattina, ci siamo diretti verso le isole Elafiti, dove abbiamo nuotato. E, naturalmente, utilizzato quest’occasione per prendere il sole.

Intorno alle tredici ci siamo diretti verso Dubrovnik. Dubrovnik ha un porto che è un po’ lontano dal centro della città (che non è il caso di altre città) e quindi siamo andati a piedi da porto di Gruz (5 minuti a piedi) alla stazione degli autobus dove abbiamo preso l’autobus per il centro città.

Non dovete preoccuparsi di questo fatto perché dal momento dello sbarco, il coordinatore del viaggio è venuto da noi e ci ha spiegato tutto nei dettagli: dove andare, quale autobus prendere e dove incontrare il nostro guidatore. Pertanto, è stato abbastanza facile di trovare tutto e arrivare alla Pile dove il guidatore ci aspettava. Era una giovane ragazza con un’arte raffinata di rivisitazione e lei ci ha portato attraverso Dubrovnik, che è sicuramente una delle più belle città del Mediterraneo.

Dopo la guida alcuni sono andati a fare una passeggiata sul Stradun, la strada principale di Dubrovnik, e alcuni sono andati a fare una passeggiata sulle pareti famosi, mentre altri hanno preso un giro in cavo fino a collina Srd dove hanno goduto una delle migliori viste su l’intero Dubrovnik dove c’è anche un negozio di souvenir e un ristorante con vista panoramica. La corsa del cavo dura solo quattro minuti.

I nostri compagni di viaggio d’Italia sono andati in questa escursione e ci hanno mostrato splendide foto panoramiche di Dubrovnik. Spettacolare!

Noi non siamo andati in questa escursione cava, ma sicuramente lo faremmo la prossima volta che andiamo a Dubrovnik. Inoltre abbiamo nuotato sulla famosa spiaggia Banj, che è a pochi minuti di distanza dal centro della città.

Dopo siamo tornati a Stradun, dove i bambini adoravano i pappagalli e cacatua così abbiamo avuto la difficoltà partendo da lì.

Il giorno dopo siamo andati all’isola di Mljet. Ma prima di andare a Mljet, intorno alle sette di mattina, la nave passò dall’altra parte di Dubrovnik e così siamo riusciti a scattare qualche foto di Dubrovnik dal mare. Potete trovare alcune di queste foto in galleria.



Anna

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here