Dall’inizio della pandemia COVID 19, le nostre vite sono cambiate in tanti modi e la “nuova normalità” ha introdotto molte novità nelle nostre vite e alcune nuove regole che dobbiamo rispettare per proteggere i nostri cari e gli altri intorno a noi. La vita deve andare avanti con le nuove regole, e nello stesso modo anche il viaggio, prendendo posto in condizioni molto più sicure.

Ci atteniamo a tutte le raccomandazioni

È importante tenere presente che seguire le raccomandazioni degli esperti è il minimo che possiamo fare per superare questa pandemia il più facilmente possibile, sperando che finisca presto e diventi un ricordo del passato.
La Croazia attualmente non ha restrizioni all’ingresso nel paese quando si tratta di passeggeri provenienti dall’Unione europea e le frontiere sono aperte. Tuttavia, ogni contea ha consigli e restrizioni specifiche per ridurre la possibilità di trasmissione del virus. Pertanto, è importante che prima di andare in Croazia, siate informati su tutte le restrizioni sul sito web www.koronavirus.hr/enili sul sito web dell’Ente nazionale croato per il turismo www.entercroatia.mup.hr/ e www.mup.hr Inoltre, controlla le restrizioni quando torni nel tuo paese.

Attualmente in Croazia, l’uso di maschere protettive, disinfezione delle mani e mantenere una distanza di almeno due metri è obbligatorio negli spazi chiusi. Ogni struttura di ristorazione e ricettiva nonché i negozi dispongono di disinfettanti all’ingresso, vengono anche evidenziate le regole di comportamento e il numero massimo di persone che possono soggiornare nello stesso spazio contemporaneamente.
Le maschere non sono obbligatorie all’aperto, ma è necessario indossarle sui mezzi pubblici e sui taxi, nonché in occasione di eventi pubblici e culturali. L’era della pandemia ci ha mostrato più che mai l’importanza e la bellezza della natura, in particolare di quei luoghi appartati dove possiamo sentirci al sicuro lontano dal caos e dalla frenesia della città. E ci sono molti questi posti belli in Croazia.


Il 93% degli ospiti ha dichiarato di sentirsi al sicuro

A settembre, abbiamo condotto un sondaggio tra i nostri ospiti sulla loro soddisfazione  con le vacanze in Croazia e, su quasi 800 intervistati, l’86% prevede di venire in Croazia in vacanza nel 2021. Ben il 75% degli intervistati che non ha potuto venire in Croazia questa estate indica COVID-19 come motivo principale per non viaggiare e il suo impatto su viaggi, rischi per la salute o restrizioni. Tra gli ospiti intervistati che erano in Croazia quest’estate, la maggior parte di loro ha soggiornato in luoghi più piccoli -56%, seguiti dal villaggio – 25% e poi la città più grande – 11%.
Il fatto importante è che il 93% degli intervistati, nonostante l’influenza del COVID-19, si sentiva al sicuro in Croazia e il 90% di loro ha espresso la propria soddisfazione per la loro vacanza in Croazia.

La sicurezza viene prima di tutto

I nostri proprietari si assicurano al massimo che le unità abitative siano perfettamente pulite e che tutte le regole e le raccomandazioni prescritte siano seguite. Li informiamo regolarmente su tutte le novità e controlliamo se seguono le istruzioni sulla disinfezione e manutenzione delle strutture ricettive.


Al momento della pandemia, le case appartate sono particolarmente attraenti, sia nell’entroterra che vicino al mare. Agenzia Adriagate ha tante belle case nella sua offerta, in cui si può completamente rilassarsi in pace, tranquillità e sicurezza. I fari croati sono anche strutture ideali per sfuggire al virus. Circondati solo dall’azzurro del mare vi sentirete completamente rilassati e al sicuro.
Per ulteriori informazioni, non esitate a contattare il nostro servizio clienti, che vi darà suggerimenti per un ideale vacanza con sicurezza completa.
Ci auguriamo che presto torneremo alla vita senza limiti, che il viaggio sarà presto libero da tutte le restrizioni e regole, e che dimenticheremo le condizioni odierne e le ribattezzeremo vecchie anormali.

Prenota la tua vacanza nel 2021

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here